Complesso

Manca il senso, l’allineamento cosmico
scrivo ciò che penso, tutto è patetico
cambian le stagioni, l’atmosfera è magica
avverto le passioni al suono di una elettrica

Assenza di pensiero, sono così debole
ricordo ciò che ero, in fondo stavo bene
vuoto intorno a me, gelida e candida nebbia
vuoto dentro me, non ho molta scelta

Parlo a vuoto, tutto tace attorno a me
complessa paranoia, in un volto fragile
tramonti chimici, li vedo scorrere
falsi e inutili, su di un cielo porpora

Sono il fondale di birra che non vuoi finire!
Come posso spiegare che siamo erbaccia in questo cortile?

Annunci

Complesso

Manca il senso, l’allineamento cosmico

scrivo ciò che penso, tutto è patetico

cambiano le stagioni, l’atmosfera è magica

avverto le passioni al suono di una elettrica

 

Assenza di pensiero, sono così debole

ricordo ciò che ero, in fondo stavo bene

vuoto intorno a me, gelida e candida nebbia

vuoto dentro di me, non ho molta scelta

 

Parlo a vuoto, tutto tace attorno a me

complessa paranoia in un volto fragile

tramonti chimici, li vedo scorrere

falsi e inutili, su di un cielo porpora

 

Sono in fondale di birra che non vuoi finire!

Come posso spiegare che siamo erbaccia in questo cortile?

Fugaci

Inebriamoci delle nostre esistenze per poi dirci addio ogni volta.
Siamo rette incidenti destinate ad incontrarsi un’unica volta.
Siamo due astri che incrociano i loro corpi durante un’ eclissi.
Siamo fugaci amanti nella notte e sconosciuti nel giorno.
Siamo e non saremo più.

Il flebile tremolio della fiamma rischiara il cupo ambiente, così forte e fragile allo stesso tempo; così coraggiosa e solitaria nella sua luce; accende speranza e intimorisce le scure tenebre di questa enigmatica stanza dagli spazi sconosciuti e in continuo mutamento. Oh fiamma solo tu rimani sempre lì, nonostante tutte le differenti disposizioni, nonostante il mio disagio in questa stanza. Oh fiamma io ti amo!

Favola

Ricordo di gioventù passata,
di una felicità andata.
Immagine di ogni sera ricorrente,
comune a tanta altra gente.
Illusione dall’assurdo finale, poichè per sempre possiam solo star male.
Bugia a fin di bene raccontata,
Ma in un processo mai giudicata.
Cresciamo con in cuore la finzione
e nei nostri occhi soltanto la delusione

Silenzio

Il silenzio, la camera, il bagno, la cucina, il silenzio. La mattina, il pomeriggio, la sera, il silenzio.
Dormire mangiare, scrivere, il silenzio.
Urlare, sognare, vivere in silenzio.

Il fallimento
La delusione
La sconfitta
La depressione
La notturna riflessione
Il pianto materno
L’atroce inferno
Il sentirsi morire
Questo è vivere?