La nostra più banale soggettiva.

Ci piaceva camminare.

Magari riflettere sulla giornata e sulle persone. Ma non era fine a sé stesso, non si trattava di quello, no. Si trattava di impiegare il tempo che non possiamo spendere sulla sabbia: siamo persi, e parlo di tutti.

Ci piaceva inventare cazzate.

Non c’era un motivo particolare, è che sapevamo di dover affrontare inconsciamente qualcosa. Tutto alla fine risulta sempre troppo importante. Qualche modo si dovrà pur trovare.

E ci piace ancora.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...