Marionettista Senza Fili

Dobbiamo smetterla di guardare dentro l’Abisso della routine degli eventi, che come in un loop senza fine, si ripete all’infinito istante per istante, ferma. Che cosa rimarrebbe di noi dopo un volo astrale attreverso il mare prismatico degli ossimori e delle contraddizioni? Che rimarrebbe dopo essersi immersi e sprofondati nelle acque melmose della fossa? Quello che ho scorperto è che se guardi nell’Abisso, esso guarda in te, contagiandoti, trasformandoti ed infine, cercando di mantenere l’integrità dell’anima, diventi esattamente ciò che non vuoi diventare… e poi che cosa rimane? Niente. O forse quello che c’è sempre stato: frammenti di vetro del muro infuocato, guardati attraverso un prisma di specchi. Nelle mie notti da Sognatore Insonne, spesso scappavo a rimirare il paesaggio montuoso del caos mutevole delle idee; voglio creare, voglio cambiare la mia situazione, ma avendo paura di sbagliare, non la cambio oppure mi annoia. Sono così abuituato ad essere una brutta via di mezzo, come un ossimoro, un marionettista senza fili, che penso mi faccia paura cambiare, o peggio, mi faccia star male. Guardatemi. Non so neanche scrivere un testo che abbia un filo conduttore. E allora si ritorna da dove eravamo partiti, in eterno, nella spirale degli attimi, degli istanti infiniti, punto per punto. Teoricamente quando mi sono risvegliato dal sonno eterno delle convinzioni, ho ottenuto la capacità di vedere me che sto guardando me stesso, instaurando così una rete neurale conica, la cui sgradevolezza logica mi ha sempre inebriato, fino a sentirmi un ingranaggio vomitato dalle fauci del Pozzo. Considerando ciò e posto vero che “non è morto ciò che in eterno può attendere e col passare degli strani eoni, anche la morte può morire”, la domanda allora diventa: quanto tempo passerà?

Io sono questo e lo sarò in ogni istante, in eterno. Io sono il Marionettista Senza Fili.

Annunci

2 risposte a “Marionettista Senza Fili

  1. L’avevo detto che l’avrei fatta; ovviamente bisogna saper pensare per poter capire: niente premio senza sacrificio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...